Collegio Provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati di Cuneo   Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati
Index Pratica professionale Attività tecnico subordinata Esami di Stato
Ti trovi in: Home » praticanti
2015 - anno internazionale dei suoli
Home page
In evidenza
News
Gli speciali
Agenda
Circolari
Normativa
Competenze
Codice deontologico
Modulistica
Consiglio direttivo
Diventare Agrotecnici
Esami di stato
Fondo previdenziale
Scuole
Come contattarci
Download
Link utili
Newsletter
AgrotecniciCuneoMail
Cerca nel sito
Amm. trasparente
Albo Unico Nazionale
Area riservata
Newsletter

Cerca nel sito

Segnala ad un amico

Diventare Agrotecnici e Agrotecnici Laureati

Attività tecnico agricola subordinata

 

Coloro i quali, in possesso del diploma di cui all’art. 1 della legge 5 marzo 1991, n. 91, intendano far valere lo svolgimento o l’avvenuto svolgimento di attività tecnica subordinata con mansioni tipiche del diploma di agrotecnico, alle dipendenze di datori di lavoro pubblici o privati, per l’ammissione all’esame di abilitazione all’esercizio della professione. debbono rivolgere al collegio competente per residenza domanda per il riconoscimento dell’idoneità dell’attività svolta.

La domanda deve essere corredata dalla dichiarazione del datore di lavoro che attesti, sulla base delle risultanze di atti e documenti:

a) la natura del rapporto di lavoro;

b) l’attività svolta e la qualifica ricoperta dal dipendente;

c) le mansioni e le funzioni effettivamente esercitate dal dipendente;

d) il periodo durante il quale l’attività è stata espletata, le eventuali interruzioni della prestazione e le ragioni che la determinarono;

nonché dalla ricevuta del versamento della tassa per l’esame delle richieste di riconoscimento di attività tecnico agricola subordinata, nella misura stabilita dal consiglio del collegio locale competente.

L’attività, le mansioni e le funzioni devono essere dettagliatamente descritte; il Collegio locale può richiedere, al datore di lavoro ovvero all’interessato al riconoscimento, la produzione di documentazione atta a comprovare i fatti attestati nella dichiarazione.

In ogni caso il Collegio può sottoporre il richiedente il riconoscimento ad un colloquio per verificare l’effettività delle mansioni e funzioni dichiarate.

Il Collegio delibera sul riconoscimento entro sessanta giorni dalla presentazione della domanda ovvero dalla documentazione integrativa ovvero dal colloquio; la delibera deve essere sempre compiutamente motivata. Dei provvedimenti adottati è data formale comunicazione all’interessato ed alla Segreteria del consiglio del Collegio Nazionale degli Agrotecnici entro quindici giorni.

Visualizza il documento in formato stampabile
Preleva il documento
Data ultimo aggiornamento: 09/05/2014
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!
pagine visitate dal 04/10/2005

93 visitatori online